Vai alla Home Page
×
Header pagina
Rassegna stampa
L'ASSOCIAZIONE PRODUTTORI DEL NIZZA LANCIA #FORUMNIZZADOCG



Il nuovo format mira a promuovere la Denominazione presso la ristorazione di alta gamma. Al primo appuntamento, il pluristellato Enrico Bartolini ha dispensato consigli e obiettivi da raggiungere in cucina

La giovane denominazione Nizza Docg si sta distinguendo nel panorama vitivinicolo italiano non solo per la qualità della proposta da parte dei vignaioli piemontesi ma anche per la capacità di promuovere e valorizzare la Barbera del Monferrato con una serie di iniziative efficaci e moderne.

Tra queste, è recente il lancio del format #FORUMNIZZADOCG che si propone di rafforzare il già costante legame del Nizza Docg con l’alta ristorazione, grazie a incontri con chef di alto livello a cui vengono invitati ristoratori ed enotecari. Le intenzioni dell’Associazione Il Nizza è di coinvolgere un grande parterre di addetta alla ristorazione che fanno della ricerca della qualità la loro missione, esattamente come fanno i produttori in vigna e in cantina.

#FORUMNIZZADOCG: esordio con Enrico Bartolini

Il primo appuntamento del #FORUMNIZZADOCG si è tenuto lunedì 18 novembre presso il Relais Sant’Uffizio di Cioccaro di Penango, in provincia di Asti, alla presenza dello chef pluristellato Enrico Bartolini il quale ha suggerito ad un pubblico di 40 ristoratori ed enotecari come gestire i prodotti del territorio, e in particolare i vini che creano un valore aggiunto al ristorante.

Al seminario, moderato dal giornalista di Repubblica e delle Guide dell’Espresso Marco Trabucco, hanno partecipato il presidente dell’Associazione Gianni Bertolino, Alessandro Masnaghetti che ha presentato la Mappa del Nizza da lui realizzata l’anno scorso, e il sommelier Davide Canina.

Bartolini ha evidenziato come gli sforzi per raggiungere un prodotto qualitativamente alto, vengano sempre ripagati, fornendo anche importanti informazioni sui migliori abbinamenti di questa denominazione piemontese con i piatti della tradizione.

Un appuntamento di grande importanza, quindi, che ha coinvolto moltissimo la platea di addetti ai lavori che hanno acquisto un’ulteriore conoscenza sulle peculiarità del Nizza Docg, sulla natura dei terreni dove nasce, sulle loro differenze e anche sulle caratteristiche organolettiche del vino. Si è poi parlato di abbinamenti e di come costruire al meglio una carta dei vini territoriale.

Alla fine del forum si è aperto il Walk Around Tasting, un banco d’assaggio con i vini di 29 aziende produttrici di Nizza Docg, e una cena di gala a cura del resident chef Gabriele Boffa.

Enzo Radunanza

Fonte: La Gazzetta del Gusto