Vai alla Home Page
×
Header pagina
Rassegna stampa
PASQUA E CORONAVIRUS: I BIG DELLA GASTRONOMIA SI IMPEGNANO A FAVORE DI OSPEDALI E BISOGNOSI



Sono tante le aziende del settore alimentare e vinicolo che in questo periodo danno una mano con le loro specialità (e il buon cuore) agli enti e strutture sanitarie che stanno lottando contro il Coronavirus

LA SOLIDARIETA' NON RESTA A CASA - Fioriscono in queste settimane le iniziative da parte di imprese nel settore alimentare per sostenere, attraverso donazioni, gli enti e gli attori coinvolti in prima linea non solo nella lotta al Coronavirus. Iniziative volte anche al sostegno delle persone più fragili e vulnerabili. È il caso della storica pasticceria milanese Giovanni Cova & C. che ha regalato mille delle sue colombe artigianali alle strutture sanitarie del gruppo San Donato di Milano. «La situazione impostaci per contenere la diffusione del contagio ci induce a essere vicini a coloro che operano nelle zone più colpite dalla pandemia», commenta Andrea Muzzi amministratore delegato Giovanni Cova & C. «Vogliamo ringraziare tutto il personale medico e sanitario, auspicando che anche loro possano trascorrere qualche momento della Pasqua attorniati dall’affetto delle loro famiglie».

Pasqua, la consegna a casa per le feste – LEGGI

DOLCEZZA PER 90MILA BAMBINI – In una Pasqua all’insegna della «dolcezza» non poteva mancare il simbolo della festività, l’uovo di cioccolato. E così Nestlè Perugina ne ha offerte più di 90mila al Banco Alimentare destinate alle persone più bisognose. «L’isolamento da Covid-19 sta generando distanza e, per tante persone, purtroppo, povertà», spiegato Bruno Emmenegger, della divisione dolciari di Nestlé Italiana. Un’indigenza sempre più dilagante che l’Opera di San Francesco per i poveri che fa assistenza e accoglienza fin dal 1959 ha quotidianamente sotto gli occhi anche in una città, apparentemente benestante, come Milano. Quest’anno l’associazione si avvale di nuovo sostenitore: La Sorgente che produce pasta fresca, prodotti gastronomici e dolci da forno. L’azienda alimentare preparerà e distribuirà 800 pasti il giorno di Pasqua «un piccolo gesto» ha sottolineato Giuseppe Multari, amministratore delegato di La Sorgente «per ringraziare ciò che i volontari dell’Opera San Francesco per i Poveri fanno ogni giorno, e per regalare un momento speciale, che passa anche attraverso la tavola, alle persone che hanno perso tutto».

Ernst Knam sfida virtuale ai pasticceri per portare dolci agli ospedali – LEGGI

LA CENA SOSPESA E UNA BOTTIGLIA DI NIZZA – Non sono solo le imprese che sostengono i più bisognosi anche i privati hanno la possibilità di farlo bastano solo pochi clic. The Fork ha lanciato la “Cena Sospesa”, un’applicazione che permette di regalare un pasto a chi ne ha la necessità effettuando una donazione libera al Banco Alimentare. «Ogni nostro sforzo è teso a garantire il più possibile una regolarità del servizio e le corrette forniture di generi alimentari alle strutture caritative», spiega Giovanni Bruno, presidente della Fondazione Banco Alimentare «per questa ragione fin da ora esprimiamo la nostra gratitudine a The Fork e a tutti coloro che aderiranno all’iniziativa, scegliendo di donare un pasto a chi non può permetterselo». A lenire le ore angosciose di questi giorni sarà il buon cibo ma anche i vini della migliore tradizione italiana. Come quelli contenuti nelle bottiglie di Nizza Docg donate da produttori associati e vendute fino al 10 maggio per raccogliere fondi a favore dell’Ospedale Cardinal Massaia e dell’Asl di Asti.

Un Pecorino che “sente” l’Adriatico e la Maiella – LEGGI

Chi al vino preferisce le creazioni dei bartender, invece, può tuffarsi nella sfida lanciata da Ego Circus ( #40secondstomix) e preparare in 40 secondi un cocktail con tutti gli ingredienti che si hanno in casa. Per ogni video condiviso Ego Circus donerà 2 euro alla Croce Rossa Italiana.

Fonte: Oggi.it