La barbera è una varietà a bacca rossa autoctona del Piemonte, in particolare delle zona di Asti, Alba e del Monferrato. E’ un vitigno vigoroso, molto produttivo e proprio per queste ragioni in passato ha avuto una grande diffusione. Oggi, insieme al sangiovese, è il vitigno più coltivato in Italia.

 Terroir e vitigno
La sua naturale resistenza e le sue alte rese, ne hanno fatto un uva particolarmente legata alla cultura contadina, dove la quantità d’uva era il parametro più importante per scegliere le varietà da piantare. Proprio per questo retaggio storico, la Barbera ha sempre rappresentato il vino schietto e popolare, da consumo quotidiano. Oltre che in Piemonte, il vitigno barbera è coltivato con ottimi risultati anche in Oltrepò Pavese e nel Piacentino. E’ inoltre presente in Umbria, Marche, Abruzzo, Campania, Calabria, Puglia e Basilicata. Oggi, grazie a una coltivazione con basse rese e a vinificazioni più accurate, la barbera è in grado di regalare vini molto interessanti e dalla spiccata personalità.

 

LEGGI L’ARTICOLO PER INTERO SU  www.winetimes.it

Wine Times – Vitigni autoctoni: la Barbera