– da turismoitalianews.it, 21/06/2018 –

Vini che devono sempre più essere presentati secondo le loro peculiarità territoriali, in modo che le varie zone della denominazione possano emergere in tutte le loro caratteristiche pedo-climatiche. E’ questo l’obiettivo su cui si concentrerà il lavoro del nuovo Consiglio di amministrazione dell’Associazione Produttori del Nizza destinato a guidare il sodalizio di Nizza Monferrato fino al giugno del 2021. Confermato Gianni Bertolino alla carica di presidente.

(TurismoItaliaNews) Nel ringraziare per la rinnovata fiducia nei suoi confronti, il presidente ha illustrato gli obiettivi dell’associazione per i prossimi tre anni: “Continueremo – afferma Bertolino – la promozione della Mappa del Nizza realizzata da Alessandro Masnaghetti di Enogea”. Gli eletti sono – oltre a Gianni Bertolino (Tenuta Olim Bauda) – Daniele Chiappone (Az. Agr. Erede di Chiappone Armando), Stefano Chiarlo (Azienda Vitivinicola Michele Chiarlo), Elio Pescarmona (Cantina Tre Secoli), Gianluca Morino (Cascina Garitina), Claudio Dacasto (Dacasto Duilio), Roberto Morosinotto (Bersano), Filippo Mobrici (presidente Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato), Mauro Damerio (presidente Enoteca regionale di Nizza Monferrato).

Il Nizza è prodotto in una zona ristretta che comprende 18 comuni intorno a Nizza Monferrato. Un disciplinare ha fissato vincoli molto rigidi sul piano colturale ed enologico per mantenere standard qualitativi elevati, anche se i produttori del Nizza si sono dotati di un codice di autoregolamentazione ancora più severo, per far sì che i vini presentati col nome Nizza siano di standard qualitativo ancor più elevato. L’associazione dei produttori del Nizza non ha fini di lucro e nasce allo scopo di tutelare, valorizzare e promuovere l’eccellenza della denominazione: all’associazione hanno già aderito 43 produttori che condividono l’obiettivo di realizzare con il massimo impegno un vino di eccellenza.

“Il primo appuntamento che vedrà una degustazione di Nizza Docg concepita per aree di produzione avverrà ai primi del mese prossimo nel corso della manifestazione #natail1luglio” ha aggiunto il presidente. Recentemente l’associazione, insieme al Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, all’Associazione Produttori del Ruché, all’Associazione Produttori del Grignolino, all’Albarossa Club e all’Associazione Produttori Albugnano, ha costituito un’associazione temporanea d’impresa per la coordinazione della comunicazione del Monferrato, le cui colline come è noto sono protette dall’Unesco. Si tratta di un progetto importante, che abbraccia non soltanto le produzioni vitivinicole della zona ma anche il territorio nel suo insieme con le sue valenze turistiche.

Infine, Bertolino conferma la volontà dell’Associazione di lavorare affinché anche le aziende che ancora non ne fanno parte decidano di entrare nel sodalizio per condividere gli sforzi per una sempre migliore comunicazione e promozione del Nizza Docg.

 

Piemonte, per i produttori del Nizza è strategica la valorizzazione dei vini attraverso le peculiarità territoriali