– da linvitatospeciale.it, Patrizia Cantini 27/06/2018 –

L’Associazione Produttori del Nizza, in collaborazione con il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, ha aderito al “Progetto Vino”, il programma diretto da Ian d’Agata e dedicato alla promozione dei vini di qualità all’interno del Festival Collisioni. Arriveranno dunque a Nizza Monferrato i giornalisti e gli esperti internazionali chiamati da D’Agata a conoscere da vicino alcune tra le più significative realtà vitivinicole del Piemonte.

#natail1luglio – la manifestazione ideata dall’Associazione Produttori del Nizza per festeggiare la data di uscita in commercio delle bottiglie delle nuove annate del Nizza Docg – quest’anno sarà incentrata su una degustazione tecnica con 36 vini suddivisi per cru. Tale suddivisione è una diretta conseguenza della pubblicazione della Mappa del Nizza realizzata da Enogea e presentata alla stampa italiana a febbraio scorso.

Alessandro Masnaghetti sarà presente per illustrare la mappa agli ospiti stranieri e per spiegare loro i criteri seguiti per la sua realizzazione. L’enologo Claudio Decasto invece condurrà la degustazione spiegando le differenze di suoli e di microclima delle varie zone e le loro influenze sulle caratteristiche organolettiche dei vini.

Si tratta dunque di una degustazione importante, alla quale i produttori dell’Associazione si preparavano da tempo. La realizzazione della mappa infatti andava proprio in questa direzione ed era il passo necessario da compiere per poter poi spiegare il Nizza secondo le sue peculiarità territoriali.

Lo aveva detto lo stesso presidente dell’Associazione Gianni Bertolino, in occasione della sua conferma alla guida dei produttori del Nizza avvenuta lo scorso 20 giugno, che “i vini devono sempre più essere presentati secondo le loro peculiarità territoriali, in modo che le varie zone della denominazione possano emergere in tutte le loro caratteristiche pedo-climatiche”.

“Abbiamo avviato un importante progetto di promozione estera di tutte le denominazioni che tuteliamo – ha detto il presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, Filippo Mobrici – in collaborazione con il senior Editor di Vinous e guida del progetto Wine&Food Collisioni, Ian D’Agata. Dopo le tappe a Costigliole, sede del Consorzio, con seminari e degustazioni e le visite nei vigneti, il gruppo di autorevoli esperti internazionali dedica una giornata ai territori del Nizza”.

L’Associazione continua anche il proprio obiettivo di stringere alleanze con gli altri importanti attori del territorio, primi tra tutti i ristoratori. E quest’anno è stato scelto per la cena di #natail1luglio lo chef stellato Enrico Bartolini che da poco ha aperto un ristorante proprio in Monferrato, la Locanda del Sant’Uffizio a Cioccaro di Penango. I produttori dell’Associazione del Nizza gli danno così il benvenuto nel proprio territorio.

Il Nizza a Collisioni presenta la mappa del territorio alla stampa straniera