– da Mille Vigne, di Maurizio Gily –

“I Cipressi” di Michele Chiarlo sul gradino più alto del podio per la prestigiosa rivista americana.

E’ la prima volta che un vino a base del vitigno Barbera conquista la vetta di una autorevole classifica mondiale, la “top 100” di Wine Enthusiast. Un riconoscimento che premia innanzi tutto la Michele Chiarlo, ma in secondo luogo anche il territorio astigiano considerato il “sancta sanctorum” per il vitigno piemontese, e con esso il gruppo di produttori che ha creduto nella sua valorizzazione, creando un’associazione, una DOCG, un percorso rigoroso di crescita e di condivisione. 

Negli ultimi 15 anni tre vini italiani avevano conquistato il primo posto: un Brunello di Montalcino, un Barolo e un Chianti Classico. 

E’ un Nizza DOCG il miglior vino del mondo per Wine Entushiast